La difficoltà di vivere il presente

Sono mesi che rimando la scrittura di questo articolo, tutto sembra avere la precedenza, il lavoro a studio, preparare il materiale per il laboratorio per i bambini, la ricerca della casa, aspettare l’ispirazione. In realtà ho procrastinato, perchè per me è più facile esprimermi con la pittura piuttosto che con la scrittura. Spesso mi è arrivato il feedback da chi mi conosce che faccio un sacco di cose, sarà pure vero, ma quasi sempre all’ultimo momento, perchè penso di avere tanto tempo davanti a me. Le bollette le pago l’ultimo giorno o il giorno prima della scadenza, in stazione arrivo giusto 5 minuti prima della partenza del treno, a lavoro corro per strada per timbrare il tesserino in orario e potrei continuare all’infinito. L’arte di procrastinare, la tendenza a rimandare, è una scelta e dipende sempre da noi.

Ma cosa c’è alla base?

L’obiettivo di procrastinare è quello di liberare l’individuo, almeno temporaneamente dalle sensazioni e emozioni poco piacevoli derivanti da una determinata situazione, e ritrovare uno stato di benessere.

Ma questo stato di benessere dura poco perchè la nostra mente ci riporta al problema che aspetta di essere risolto. Si insinua una sensazione fastidiosa che ci impedisce di vivere serenamente quella tranquillità che il fatto stesso di rimandare procura. Se provassimo a sentire le nostre emozioni nel momento in cui si presenta l’inpulso a procrastinare, forse sentiremo la paura come emozione predominante. La paura può manifestarsi in diverse forme, come ansia, angoscia, stress, scoraggiamento, apprensione, disagio, nervosismo. A livello fisico la paura si presenta attraverso tensione muscolare, emicrania, mal di stomaco, palpitazioni, e molti altri disturbi fastidiosi. Sul piano psicologico la paura è un’emozione paralizzante che ci impedisce di muoverci e di agire ogni volta che non riusciamo a prevedere le conseguenze. Eppure chi ha questa tendenza sa che bastano pochi passaggi, molto probabilmente noiosi, faticosi, per chiudere l’incombenza lasciata in sospeso. Per alcuni basta avere maggiore consapevolezza per passare all’azione, cambiare i propri comportamenti, per altri no. Infatti si tratta di comportamenti abituali a cui si ricorre in modo automatico, possiamo anche considerarla come un meccanismo di difesa che è diventato cronico. E dato che si tratta di comportamenti, i comportamenti si possono modificare.

Cosa succede?

Chi procrastina rimane in contatto con le proprie sensazioni ed emozioni sgradevoli come la noia, l’ansia o la paura di fallire. Il problema rinviato che all’inizio era abbastanza realizzabile diventa più gravoso sia nella nostra immaginazione sia nella realtà, finchè non si trasforma in qualcosa di così opprimente che comincia ad essere ragionevole rinviarlo a chissà quando. A forza di farlo, le emozioni negative si trasformono in ostacoli a una vita che potrebbe essere produttiva e protesa in avanti.

Passare all’azione, ma come?

Entrando in contatto con le proprie emozioni.

Che siano l’ansia o la paura ad accompagnare quei compiti, allargate le braccia e accogliete le vostre emozioni una per una. Invitatele ad entrare e a sedersi, fatele mettere comode. Poi affrontate i vostri compiti in loro compagnia. Una volta iniziato, vi acccorgerete che non si tratterranno a lungo; in realtà, probabilmente si alzeranno e se ne andranno immediatamente. Quando avrete quasi finito, alzerete gli occhi e scoprirete sensazioni assai più piacevoli sedute al loro posto, in attesa di festeggiare con voi la conclusione delle vostre fatiche.

Prendendo delle decisioni

Prendere delle decisioni difficili nella vita, anche se significa eliminare qualcosa che in passato sembrava importante. Qualsiasi scelta fatta porterà con sè un pò di tristezza, perdita, dispiacere, ma questo non significa aver fatto la scelta sbagliate.

Pianificando il lavoro

Fare un elenco di tutte le azioni che servono per portare a termine il compito e suddividerle in piccole attività da svolgere giornalmente.

Chiedere aiuto

Se non siamo in grado di fare qualcosa chiediamo aiuto a chi è più esperto.

La soluzione migliore è chiedersi perché questo compito non vogliamo portare a conclusione, e capire se è sintomo di un problema più profondo, e in particolare non far diventare vostre le priorità degli altri.

Gli ostacoli da eliminare:

  • la paura
  • l’indecisione
  • scoraggiamento
  • il perfezionismo
  • la noia
  • la difficoltà.

Temporeggiatore sappilo: non hai a disposizione un numero infinito di giorni in cui portare a termine i compiti che ti impegni così tanto a rimandare, la vita è ” ora”.

Senso di colpa e realizzazione di sè

” Se sei fiaccato da qualcosa di esterno,
il dolore non è dovuto alla cosa in se stessa,
ma al tuo giudizio di quella; e perciò hai
il potere di cambiarlo in qualsiasi momento.”
Marco Aurelio

Uno dei sintomi più frequenti di un conflitto interno che emerge in psicoterapia è il senso di colpa, una sofferenza intrapsichica, che è differente dalla colpa vera e propria. La colpa in senso proprio è la conseguenza psicologica dell’essersi comportati in modo da non potersi accettare, che si tratti di aver arrecato un danno a una persona cara, maltrattare il proprio figlio o la propria moglie, ecc. In questo senso il senso di colpa di fronte ad un errore commesso è sano ed esprime senso di responsabilità e di integrità, riconoscere con umiltà e dignità lo sbaglio compiuto o il dolore procurato.

Conflitto interno
E’ sintomo di un conflitto interno irrisolto quando dipende da fantasticherie e da idee personali, piuttosto che da reali comportamenti. In Gestalt viene dato grande rilievo al senso di colpa in quanto considerato un forte ostacolo alla piena auto-realizzazione dell’individuo. Il senso di colpa si instaura proprio nel momento in cui le spinte emotive vengono considerate inaccettabili da parte della persona che quindi , se le rimprovera. Può anche essere presente nel momento in cui l’esperienza, ovvero ciò che si fa, tradisce in qualche modo l’ideale al quale si sta tentando di arrivare o si aspira. In entrambi i casi la colpa inibisce la naturale espressione della persona minandone l’autenticità. La Gestalt ha il suo fulcro nell’esortazione esistenziale alla persona ad essere se stessa, il più pienamente e completamente possibile ( Clarkson, 1989). Il senso di colpa appare in quest’ ottica come come un freno alla piena realizzazione di sé, un muro oltre il quale c’è la piena consapevolezza dei propri limiti e potenzialità.

Il senso di colpa nella relazione 
Perls aveva intuito che il senso di colpa è legato alla paura di uscire dalla confluenza, paura della solitudine e dell’unicità, come terrore di eventuali rappresaglie da parte di chi si è abbandonato. Si può osservare nel rapporto madre -bambino, marito e moglie, capo e dipendente. La confluenza è una base fragile per le relazioni. L’individuo volutamente sceglie di sminuire le differenze in modo da moderare l’esperienza sconvolgente del nuovo e dell’altro. Si comporta come un camaleonte, si adegua all’altro per essere accettato, rinuncia ad essere se stesso. Affinche la persona trovi la sua piena realizzazione deve iniziare a sperimentare la propria capacità di prendere delle decisioni e di scegliere, ascoltare i propri bisogni e sentimenti che gli appartengono e non sentirsi in dovere di farli coincidere con quelli degli altri. Deve imparare che può affrontare il terrore della separazione da queste persone e tuttavia restare vivo. Affermare a voce alta le proprie aspettative, prima al terapeuta e infine alla persona a cui è demandata la soddisfazione di esse, può essere il primo passo per discriminare i tentativi nascosti di stabilire relazioni confluenti.
Tenendo in considerazione i propri bisogni e discriminandoli, si può scoprire la propria tendenza personale e unica, e si può ottenere ciò che si vuole.

Quando rivolgersi allo psicologo?

 

Durante una cena tra amici e parenti, mi capita spesso di essere presa in disparte e sentirmi chiedere: “Rosa poi ti devo chiedere una cosa, ultimanente mi capita di stare a casa e attaccarmi al cibo, non riesco a farne a meno, secondo te avrei bisogno di andare in terapia?” ” Ho la tendenza ad accumulare oggetti, non a livello del programma su real time “sepolti in casa”, ma non riesco a buttar via, secondo te devo andare da uno psicologo? “ “Penso di essere incinta, il mio compagno non vuole avere un figlio, io si, sono confusa tengo il figlio e lascio lui, non so?!!non so neanche se sono pronta a cambiare la mia vita, uno psicologo può aiutarmi a chiarirmi?” La mia risposta è: la psicoterapia fa sempre bene, non è utile solo per chi sta male.

E’ un sostegno efficace e duraturo a cui poter sempre ricorrere, non solo come strumento di “cura” ma anche come mezzo per migliorare il vivere quotidiano di tutti. Aiuta ad alleviare l’amarezza delle dissilusioni, delle idealizzazioni, nutrire aspettative realistiche, vivere in uno stato di realtà e benessere.

Cosa vuol dire vivere in uno stato di realtà e benessere?

Sentirsi amati e accettati così come si è: ansiosi , depressi, isterici, arrabbiati, felici, senza rinunciare al proprio sentire e al proprio punto di vista. Prendersi cura di se stessi ovvero porre l’attenzione su ciò che accade dentro di noi, sulle emozioni, sul sentire corporeo, sensazioni, e fuori di noi, riflettere sul nostro modo di essere e stare al mondo, favorendo lo sviluppo di un atteggiamento attivo, ad incidere sull’ambiente, trasformandoci in attori e non più spettatori. In quest’ottica, la scoperta, la novità, la curiosità diventano strumenti per trovare nuove direzioni, piuttosto che produrre ansia e impasse esistenziale. L’individuo, così, diviene consapevole delle proprie abilità e risorse che accrescono la propria autostima e capacità relazionali, diventa egli stesso strumento di cambiamento. Scegliere le persone di cui circondarsi e in mancanza di relazioni significative dare in benvenuto alla solitudine sana, ovvero un periodo dell’esistenza per rivedere e vivere la vita secondo i propri bisogni e valori. Mantenere nel cuore il desiderio di contatto con persone che hanno voglia e coraggio di vivere nonostante i momenti di dolore, angoscia e senso di impotenza, che sentono il sollievo del sostegno reciproco, il piacere della scoperta, che apprezzano il valore dell’autenticità, della vicinanza e della speranza.

Allora quando rivolgersi allo psicologo?

  • Quando ci si sente “bloccati” e non si vede una via d’uscita da una determinata situazione;
  • Ci si trova a chiedersi “conosci te stesso?” e “cosa vuoi?”;
  • Si vive un calo di motivazione e determinazione nei propri ambiti di vita;
  • si fatica a prendere la decisione “giusta”;
  • ci si focalizza troppo sul passato o ci si perde eccessivamente nel futuro.

In questi ultimi anni ho potuto osservare come l’intensità emotiva della condivisione e del sentirsi sostenuti in una relazione che cura, dà luogo a cambiamenti nella vita delle persone precedentemente ritenuti impossibili, lascia una traccia nel corpo e non viene dimenticata dalla memoria. ­